Quando l’arte si trasforma in vergogna

Infatti la cosa più simpatica di Piazza Pretoria è che dal sedicesimo secolo, da quando la piazza ospita la bellissima fontana composta da 48 figure mitologiche nude, i palermitani l’hanno ribattezzata Piazza della Vergogna e con essa anche la fontana divenne la Fontana della Vergogna.

La stupenda piazza si trova poco distante dai Quattro Canti, esattamente nel centro di Palermo.

E’ considerata una delle più belle fontane d’Italia.

La storia

Piazza Pretoria assume le sembianze che oggi tutti ammiriamo soltanto nella seconda metà del 1500. La meravigliosa fontana, infatti, si trovava a Firenze presso la Villa di Don Luigi Toledo, ma il figlio alla morte del padre, sovrastato dai debiti decise di vendere la monumentale fontana. Il capolavoro venne acquistato dal Senato Palermitano che ne comprende da subito il valore artistico.

Chiaramente, inserita in un contesto già meraviglioso diede alla città un aspetto ancora più bello. Circondata dalle Chiese di San Giuseppe e Santa Caterina, dal Palazzo Pretorio.

La vergogna

La leggenda vuole che un convento di monache di clausura costruito proprio lateralmente alla piazza, mortificate e vergognate dalla nudità delle statue, evirarono le indecenti sculture protette dalla complicità della notte.

Un’altra leggenda parla della regina Giovanna II e della sua fama di donna di facili costumi.

La regina Giovanna II d’Angiò-Durazzo vive nelle cronache storiche palermitane con un alone di disprezzo, forse frutto di ignoranza o di una semplice “opposizione di genere”. In verità nasconde la storia dolorosa di una donna vissuta tra il XIV e il XV secolo.

Viene dipinta ancora oggi come “regina mantide”, “regina del sesso”, “mangiatrice di uomini”, “pazza”, “regina sanguinaria”, “regina peccaminosa”. Si dice che reclutasse a corte giovani di bell’aspetto di ogni estrazione sociale, e che gettasse gli amanti in una botola segreta, condannandoli alla fossa dei coccodrilli, resta la storia di una donna al potere coperta di leggende sessiste.

“Giovanna l’insaziabile” è stata riconosciuta nella fontana Pretoria nel centro di Palermo in compagnia di un cavallo. Si narra una leggenda che vede la regina protagonista di un rapporto sessuale proprio con un cavallo, fatto che si sarebbe concluso col celebre commento alla fine dell’amplesso: «stanca sì, ma sazia mai».

La verità è, però, che la scultura non ritrae lei, bensì una figura mitologica.

Naiade con Pegaso

L’ultima storia curiosa dice che il Senato di Palermo la fece posare proprio in questa Piazza per far sgarbo ad una delle suore, la quale aveva fatto lo sgarro di rifiutare un nobile dell’epoca.

Rimane il fatto che fino alla fine dell’800 fosse catalogata come simbolo della corruzione dei potenti e governanti.

Qualche consiglio su Palermo

Ovviamente Palermo è tanto e molto di più. Soprattutto negli ultimi tempi, la città ha fatto di tutto per splendere. 

Il centro storico di Palermo è stato completamente rivoluzionato.

Le strade più importanti della città sono state chiuse al traffico e la nuova struttura urbana è stata riservata esclusivamente al transito dei pedoni.

Oltre a rimanere stupefatti dalla Movida lungo le vie del centro storico, qui potrete anche cominciare ad ammirare Palermo da un punto di vista artistico. A Piazza Castelnuovo, infatti, potrete ammirare la bellezza del teatro Politeama, mentre a piazza Giuseppe Verdi potrete farvi ammaliare dalla maestosità del rinominato teatro Massimo. Ma questi sono solo due dei moltissimi monumenti caratteristici della città. 

L’arte a Palermo non ha confini

in larga parte a causa delle dominazioni che la Sicilia ha subito nell’arco dei secoli.

Girovagando per le vie della città e soffermandosi sullo stile di palazzi ed edifici storici, infatti, si possono scorgere diversissimi stili artistici: barocco, arabo-normanno e bizantino sono i principali.

A questo proposito è caratteristica la famosa Cattedrale, nella quale confluiscono variegati stili architettonici, dal gotico fino al normanno.

Poi se volete altri consigli su cosa visitare a Palermo seguite le nostre amiche e partners sui loro canali social lady_digio_ insiciliaconme Siciliaintasca non mancheranno tante importanti notizie e consigli, il tutto accompagnato da eleganza e savoir faire.

E quando venite in Sicilia ricordatevi che mangerete divinamente, di questo ci occupiamo, e avrete l’oro negli occhi.

Quello che si vede in Sicilia è unico al mondo

starete pensando a quanto ne parlo, ebbene sì ogni giorno faccio una serenata d’amore alla mia Sicilia ed ogni giorno lei da lontano mi risponde.

#scialativi #MagnaSicilia #fashionaccussì #sicilia #eccociqua #visitsicily #eccellenzasiciliana #siciliabedda

Tags

No responses yet

Rispondi