Sicilia-Ortigia

Lo scrittore francese Guy de Maupassant una volta scrisse: “è proprio con questa cittadina singolare e aggraziata che bisogna concludere un viaggio in Sicilia” riferendosi a Ortigia, la bellissima isola di Siracusa.

Un luogo caratteristico e particolare, dove nulla è come ci si potrebbe aspettare e tutto ci sorprende. L’isola di Ortigia non è altro che il centro storico di Siracusa, la sua parte più antica dove poter ammirare bellezze italiane tra le più invidiate al mondo e paesaggi naturali suggestivi, dove la storia diventa parte integrante del territorio.

Ogni angolo di Ortigia ha una storia da raccontare, una storia che si può iniziare a leggere non appena si supera il ponte Umberto, che unisce la terraferma all’incantevole isola.

Cosa vedere a Ortigia

In questa piccola perla della Sicilia si possono ammirare i resti di antichissimi templi incorporati in strutture moderne, come ad esempio il basamento e le colonne del Tempio di Athena risalente al V secolo a.C. che è stato incorporato nel Duomo di Siracusa. Per chi ama invece la storia Medievale, ecco che non si può risparmiare un giro al castello Maniace che sorge nella punta estrema dell’isola: il castello da qui era la struttura strategica da cui monitorare la situazione.

All’interno del centro storico vi è un luogo incantato, la Fonte Aretusa, uno specchio d’acqua dolce dove è ambientata la leggenda di Aretusa e Alfeo, uno dei miti più affascinanti di Siracusa: la ninfa Aretusa chiese aiuto ad Artemide per sfuggire da Alfeo follemente innamorato di lei e la dea la trasformò in una fonte.

All’interno della fonte, un luogo particolarmente suggestivo, crescono delle piante di papiro, l’unico papireto esistente in Italia.

Un altro pò di storia antica la si potrà ritrovare nella parte settentrionale dell’isola di Ortigia, in ciò che resta del Tempio di Apollo, considerato il più antico esistente in Sicilia e risalente infatti al VI secolo a.C.

L’isola di Ortigia però regala emozioni in ogni angolo: solo camminando in queste stradine è possibile ammirare palazzi in stile liberty, barocco e rococò, edifici che trasudano storia da ogni pietra.

Qui a Ortigia l’arte si esprime in ogni sua forma per questo motivo in un giro a Ortigia non può mancare una visita alla chiesa di Santa Lucia alla Badia dove poter ammirare un’imponente e intensa tela del Caravaggio: Il seppellimento di santa Lucia realizzata nel 1608 quando il Caravaggio arrivò a Siracusa sfuggendo dal carcere di Malta.

Le spiagge di Ortigia

La Sicilia tutta è il luogo ideale per una vacanza estiva in spiagge sensazionali e qui a Ortigia potrete fare un bagno alla spiaggetta di Cala Rossa, in cui i fondali bassi permettono a tutta la famiglia di trovare un po’ di refrigerio estivo dopo il tour all’interno dell’isola.

Ortigia è un luogo di storia, ma è un luogo vivo, pulsante, ricco e sorprendente dove poter trovare anche una fervente vita mondana e divertirvi tra musica, buon cibo della tradizione e notti da sogno. Se vuoi riprovare quei momenti fatti di sapori siciliani veri, puoi visitare il nostro shop con articoli locali che portano in tavola il vero cibo siciliano ovunque nel mondo.


Sicilia-Ortigia
La tela di Caravaggio

#eccellenzasiciliana #visitsicily #magnasicilia #siciliabedda #sicilia

Tags

No responses yet

Rispondi